Nuove regole di ammissibilità ESTA

nuove regole di ammissibilità esta

Il dipartimento di sicurezza nazionale degli Stati Uniti d’America ha annunciato da poco che i controlli di sicurezza per i turisti provenienti dai paesi europei si potrebbero inasprire.

I controlli di sicurezza non saranno lunghi e meticolosi solo per i visitatori che hanno bisogno di una visa, ma anche e soprattutto, per i visitatori provenienti dai paesi facenti parte del Visa Waiver Program, ovvero i 38 paesi che possono viaggiare negli Stati Uniti senza dover richiedere una Visa.

Tra essi vi sono i paesi europei e anche alcuni paesi del Sud America, ad esempio il Cile. Normalmente, i cittadini dei paesi facenti parte di questo programma, non hanno bisogno di richiedere una visa o un visto per poter entrare nel territorio degli Stati Uniti d’America, ma è sufficiente fare domanda del modulo ESTA.

Il modulo ESTA è facilmente richiedibile online e può essere richiesto fino a 72 ore prima del volo.

Può essere richiesto in autonomia e in internet, e non rappresenta particolari problematiche. Alcune nuove leggi emanate dall’ultimo governo, rendono questo processo però un po’ più complicato per i cittadini di alcuni paesi europei, che dovranno prestare attenzione alle nuove linee guida e alle regole del modulo ESTA.

Cosa fare se devo viaggiare negli USA?

Vi consigliamo di controllare la vostra ammissibilità ESTA e di informarvi bene sul Visa respinto e su ESTA e fedina penale. Le modifiche annunciate dal dipartimento di sicurezza, avranno attuazione immediata.

I funzionari del dipartimento di sicurezza nazionale hanno da poco annunciato che verranno prese misure di sicurezza aggiuntive per i cittadini provenienti da Portogallo, Grecia, Ungheria e San Marino. Di quali misure parliamo? Questi paesi dovrebbero creare delle campagne di informazione pubblica per informare a dovere i cittadini sul Visa Waiver Program e sul suo funzionamento. Perchè proprio questi paesi? Secondo uno studio condotto dal governo di Trump, più del 2% dei cittadini provenienti da questi paesi, rimane illegalmente negli Stati Uniti oltre i 90 giorni di permanenza massima permessi dal modulo ESTA.

Questa campagna di informazione avrebbe lo scopo di spiegare in maniera dettagliata, le regole previste da questo programma senza visa.

Queste nuove regole dovrebbero attuarsi il prima possibile, e i governi dei paesi indicati dovrebbero farsi carico delle spese totalmente, senza collaborazioni o aiuti da parte degli Stati Uniti.

Queste misure possono sembrare esagerate, ma sono state pensate anche per ridurre il rischio di attentati terroristici e per aumentare i controlli dei turisti che entrano negli Usa.

Se non siete cittadini di uno di questi paesi, non dovete preoccuparvi, ma vi consigliamo di fare comunque attenzione ai controlli di sicurezza. Un altro consiglio molto utile è quello di mantenersi aggiornati per quanto riguarda le nuove norme di sicurezza o le nuove politiche in costante aggiornamento sui temi dell’immigrazione.

Non si sa mai, purtroppo possono anche cambiare da un giorno all’altro ed è meglio essere sempre aggiornati ed informati per non farsi trovare sorpresi e impreparati al momento di prenotare un viaggio, o peggio ancora, al momento di essere già ai controlli di sicurezza in un aeroporto americano.

Sottostare ad un interrogatorio americano non è un’esperienza da raccomandare a nessuno! Meglio dunque informarsi prima della partenza e compilare il modulo ESTA correttamente in ogni sua parte, oltre ad avere un passaporto biometrico valido e tutti i documenti in ordine.

Preparatevi anche a dover rispondere a molte domande dettagliate sul perchè state viaggiando negli Stati Uniti, su dove volete alloggiare, per quanto resterete e che spostamenti avete intenzione di fare. Vi potrebbero chiedere anche se avete intenzione di lavorare o se avete parenti stretti o lontani negli Stati Uniti.

Altre domande potrebbero essere ad esempio se siete sposati, se la vostra famiglia viaggia con voi o se viaggiate da soli, se avete intenzione di noleggiare una macchina o di spostarvi all’interno del paese.

Fate attenzione a mantenervi sempre calmi e a rispondere con tranquillità alle domande che vi vengono poste dagli ufficiali di sicurezza, ricordandovi che non avete nulla da nascondere e che è quello che deve trasparire dal colloquio.

Dunque calma e sangue freddo, rispondete alle domande senza nascondere niente o senza sentirvi sotto interrogatorio, anche se è quello che succede in realtà, non abbiate una voce tremante ed evitate di sudare o di dimostrarvi ansiosi, in fondo è solo un normale controllo di sicurezza e di routine

Utilizzando il nostro sito Web accetti la nostra politica sui Cookies. Clicca qui, per saperne di più. Sono d'accordo