Il sistema sanitario americano per i turisti

Il Sistema Sanitario Americano per i Turisti

Ogni anno milioni e milioni di turisti visitano gli Stati Uniti ma non solo: c’è anche chi entra nel Paese per motivi di lavoro o studio. Prima di arrivare in America è bene però informarsi su come funziona il sistema medico americano e comportarsi di conseguenza.
Il sistema sanitario americano è molto diverso da quello europeo e soprattutto da quello italiano, dove nella maggioranza dei casi le spese mediche sono coperte dallo stato. Negli USA le spese mediche sono molto costose e devono essere pagati dal cittadino privatamente, se esso non ha provveduto a stipulare un’assicurazione sanitaria privata.


Polizza medica per stranieri negli USA: come funziona?
Prima di recarvi negli Stati Uniti è molto importante informarsi riguardo la copertura assicurativa.

Ricordatevi anche che per viaggiare negli stati Uniti bisogna prima richiedere il modulo ESTA prima della partenza dall’Italia. Il visto deve essere richiesto almeno qualche giorno prima della partenza, altrimenti non sarà possibile partire per gli USA. I cittadini italiani possono entrare negli Stati Uniti solo in possesso di questo modulo correttamente compilato e accettato:l’ESTA per gli USA. Grazie al programma Visa Waiver approvato dagli Stati Uniti non è necessario recarsi in ambasciata per richiedere una visa, procedimento che sarebbe lungo e costoso, e si può comodamente richiedere l’ESTA da casa propria, vi servirà solo un computer e una connessione internet.

Assicurazione medica di viaggio per gli USA

Subito dopo aver richiesto il modulo ESTA vi consigliamo di stipulare un’assicurazione medica di viaggio. Non evitate di farlo solo perché pensate di godere di ottima salute e di non ammalarvi mai: i prezzi, in caso di bisogno, sono stratosferici! Potrebbero sempre presentarsi delle situazioni, anche non gravi, nelle quali è necessario farsi visitare da un medico.
Inoltre, le assicurazioni di viaggio coprono anche , su richiesta, altre tipologie di situazioni in viaggio, ad esempio furto o smarrimento dei bagagli o ritardi e/o cancellazioni dei propri voli.

Come funziona la sanità americana

Per i turisti è assolutamente imprescindibile poter disporre di un’assicurazione sanitaria. La sanità negli Stati Uniti è infatti privata e può usufruirne solo chi lavora con regolare contratto e versa quindi un importo mensile per l’assicurazione. È un sistema molto diverso rispetto all’Italia, dove la sanità è garantita a tutti senza distinzione di reddito o cittadinanza. Se rimarrete negli USA per un periodo di tempo più lungo, per motivi di studio o di lavoro, è importante stipulare un’assicurazione o chiedere delucidazioni sulla situazione al proprio datore di lavoro, che deve garantire una copertura sanitaria.

ESTA, Assicurazione? Fatti

Una volta compilato il modulo ESTA e dopo aver ricevuto l’approvazione, siete pronti a passare al prossimo step per il vostro viaggio. Non stiamo ancora parlando di pianificare un itinerario, bensì di stipulare una buona assicurazione di viaggio. Accertatevi che la polizza abbia una buona copertura, e che sia un’assicurazione molto valida. Per farvi un esempio, un’operazione negli Stati Uniti, se pagata privatamente, può venire a costare anche 100.000 dollari.
Se si tratta del vostro primo viaggio negli Stati Uniti, vi consigliamo di preparare tutto con largo anticipo in modo da evitare brutte sorprese o inconvenienti. Prima di tutto, onde evitare eventuali stress e problemi, per il vostro primo viaggio negli USA è consigliabile comprare i biglietti dell’aereo molto tempo prima. In questo modo potrete trovare offerte migliori. L’assicurazione di viaggio può, in certi casi, essere stipulata direttamente tramite la compagnia aerea.

Assicuratevi anche di avere un passaporto biometrico in corso di validità, altrimenti la vostra richiesta ESTA non verrà accettata. Procuratevi anche una carta di credito, oppure, se ne possedete già una, informatevi con al vostra banca sulle condizioni di utilizzo.

Utilizzando il nostro sito Web accetti la nostra politica sui Cookies. Clicca qui, per saperne di più. Sono d'accordo